16,00


Per un approccio non conformista dell’esperienza estetica e conseguenze didattico-pedagogiche – teorie e pratica sperimentale

Se il lavoro fosse il bisogno che si sopprime nello scambio, allora il lavoro nella società attuale così come nell’arte attuale, sarebbe caratterizzato da un’assenza di scambio, o scambio solo in apparenza, cioè quando, pur considerando l’attività che si genera nel soggetto interagente con l’oggetto nello scambio, le interazioni, i comportamenti in atto e le conseguenze degli stessi risultano pre-determinati, pre-vedibili. Quando, invece, l’azione dei soggetti interagenti con uno stimolo (l’opera d’arte o un oggetto della realtà) conduce a risultati imprevedibili, eterogenei, lontani da un modello conformista, in quanto conforme (e che conferma) ad un modello dominante, omologante, si rileva uno scambio reale. Se nell’esperienza estetica i soggetti interagenti non fossero stimolati ad assumere una posizione contemplativa, potrebbero leggere o modificare attivamente e in maniera imprevedibile un’opera d’arte (o un oggetto della realtà, o la propria identità), attraverso la propria proiezione immaginativa e la conseguente formulazione di ipotesi sulla stessa. Il percipiente, in tal caso, non mirerebbe alla conferma di un modello di realtà già noto (rinforzandolo) o alla sua conservazione, ma al suo perfezionamento dinamico. Se mutuassimo tali considerazioni per spenderle anche in ambito didattico-pedagogico, le conseguenze diverrebbero fondamentali. In alternativa ad un’azione didattica cristallizzata sull’affinamento delle stesse capacità e conoscenze, che non alimenta l’eterogeneità dei bisogni e si conforma ad un modello di realtà già data, precostituita e prevedibile nella quale ruoli e scopi dei diversi attori sono predeterminati, si propone un metodo di insegnamento che promuove un modello di realtà mutevole, mira alla ricerca di ideali e rafforza l’approccio esplorativo e creativo.

Dettaglio pubblicazione

  • Pagine: : 124
  • Dimensioni: : 200*200*10

Info sull'autore

Author

Giovanni Perillo, nel suo lavoro artistico e di insegnante ricerca stimoli e processi di interazione creativi. Ha relazionato sue ricerche al “Congress of the International Association of Empirical Aesthetics” (IAEA) presso l’Università di New York (2014), di Vienna (2016), di Toronto (2018) e al “Children and Childhood Territories International Colloquium” presso l’Università di Brasilia (2018). In Italia presso il Politecnico di Milano (2012), l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano (2017 e 2018), presso l’Università di Lecce (2017) e di Macerata (2018). Tra le esposizioni delle sue opere: il gioco di Piero, Galleria d’Arte Contemporanea Derbylius Milano (2010); Risvolti, Fondazione Mudima per l’Arte Contemporanea Milano (2013). Ha pubblicato articoli su Athanor (2015, 2018), Nuova Meta (2014, 2017). Ha pubblicato con Giuseppe Laterza editore: Pittura, proprietà combinatorie e composizioni modulari (2016); Estetica delle migrazioni (2017); Modugno. Alla scoperta del territorio, con L. Ponzio (2015).

Edizioni dal Sud di Ponticelli Andrea s.a.s.

P.IVA 07976490727

Sede legale, redazione e spazio espositivo:

Via Dante Alighieri, 214
70122 - Bari (BA)

Sede amministrativa:

Via Pasquale Paoli, 2
20143 - Milano (MI)


info@dalsud.ita.ponticelli@dalsud.it g.ponticelli@dalsud.it c.ponticelli@dalsud.it
Andrea Ponticelli 3934273055Giuseppe Ponticelli 3407329754Cinzia Ponticelli 3495371495

BARi

Milano

Orari al pubblico

  • Lunedì: 10.00-13.00 - 16.30-19.00
  • Martedì: 10.00-13.00 - 16.30-19.00
  • Mercoledì: 10.00-13.00 - 16.30-19.00
  • Giovedì: 10.00-13.00 - 16.30-19.00
  • Venerdì: 10.00-13.00 - 16.30-19.00